Frittelle di mele

frittelle di mele

Ingredienti per 2 persone

2 mele rosse tipo Golden, olio extravergine di oliva, zucchero a velo, 30 grammi di farina, 2 uova (possibilmente fresche), latte, 2 cucchiaini di grappa, lievito, 2 pizzichi di sale.

Preparazione

Mettere in una scodella la farina, le 2 uova, il lievito, i 2 pizzichi di sale, i 2 cucchiaini di grappa. Mescolare aggiungendo il latte. Lasciare in posa il composto per circa 20 minuti. Sbucciare le 2 mele rosse, eliminarne il torsolo, tagliarle a rondelle sottili e girarle nella pastella.
Friggere in olio extravergine di oliva ad alta temperatura. Appena le frittelle diventano fragranti, estrarle dalla padella, scolarle con cura, aggiungere un paio di sploverate di zucchero a velo.
Servire in tavola e gustare.

L’olio extravergine di oliva per i trattamenti di bellezza

olive appena colte
L’olio extravergine di oliva non è soltanto un condimento di altissima qualità per una infinita varietà di piatti gastronomici: le sue proprietà salutari e terapeutiche fanno anche da supporto per i trattamenti di bellezza.
In virtù della propria acidità, l’olio extravergine di oliva risulta salutare spalmato sulla pelle, per ammorbidirla e tonificarla.
Inoltre, si può ricorrere a impacchi e a infusi di olio extravergine di oliva per proteggere i capelli, per rinforzare le unghie e, infine, per alleviare dolori di tipo muscolare.
Ecco alcune semplici ricette a base di olio extravergine per i trattamenti salutari e di bellezza:
  • Olio extravergine di oliva con camomilla: contro le infiammazioni e gli arrossamenti della pelle
  • Olio extravergine di oliva freddo dopo il bagno: ammorbidisce e tonifica la pelle
  • Olio extravergine di oliva con tuorlo d’uovo e miele: contro la pelle secca
  • Olio extravergine di oliva tiepido: agevola lo scioglimento degli accavallamenti muscolari
  • Olio extravergine di oliva con succo di limone: rinforza le unghie
  • Olio extravergine di oliva freddo: combatte la caduta dei capelli
  • Olio extravergine di oliva con henné neutro e tuorlo d’uovo: rinforza i capelli fragili

Olio di oliva: tipologie e caratteristiche

_ampolla con olio_

Olio extravergine di oliva:
 è prodotto tramite la semplice molitura delle olive e ha un’acidità massima non superiore all’1%; sul versante della qualità, è il prodotto numero uno
Olio vergine di oliva: è prodotto tramite la semplice molitura delle olive e ha un’acidità non superiore al 2%
Olio di oliva: si ottiene dalla miscela composta da olio di oliva raffinato e da oli vergini; la sua acidità non supera l’1,5%
Olio di sansa di oliva: si ottiene dalla miscela composta da olio di sansa raffinato e di oli vergini; la sua acidità non supera l’1,5%

La frittata al tartufo nero

frittata al tartufo nero
Ingredienti per 2 persone

2 uova (possibilmente fresche), 30 grammi di tartufo nero, 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, 1 pizzico di sale

Preparazione

Sbattere le uova, aggiungere il sale e il tartufo ben tritato. Scaldare l’olio extravergine di oliva in una padella. Versare il preparato nella padella, mescolare bene e cuocere a fuoco abbastanza alto. Servire in tavola e gustare.

Privilegiare la qualità dell’olio Made in Italy

_olive_  _Italia_

L’olio extravergine di oliva e in particolare quello da agricoltura biologica, prodotto alla cui cultura è dedicato questo blog, rappresenta, anche sul versante della qualità, uno dei fondamentali pilastri del Made in Italy alimentare.
Occorre evidenziare, una volta di più, che la qualità indiscutibile del nostro comparto food and beverage, a più riprese, è spesso chiamata a fronteggiare una concorrenza di scarso profilo proveniente da certi produttori e da certi distributori esteri che, non così raramente, propongono una sorta di surrogato copiaticcio dei prodotti italiani tipici.
Si tratta di una concorrenza che basa la propria strategia di mercato sulla semplice leva del prezzo, a scapito della vera cultura della qualità.
Anche se l’attuale congiuntura economica spinge a prestare una particolare attenzione al prezzo dei prodotti alimentari, non va dimenticato che è anche nella qualità stessa di ciò che si consuma a tavola che risiede un effettivo viatico verso abitudini salutari e, quindi, verso il benessere.
Per quanto riguarda l’olio extravergine di oliva, va sempre ricordato che la qualità dipende dalle modalità tramite le quali le olive vengono coltivate, raccolte e, poi, molate.
Si tratta di un procedimento articolato e complesso che richiede un’estrema cura, una scrupolsa attenzione a determinati standard riferiti sia alla qualità che alla affidabilità alimentare.
Tutto ciò, inoltre, deve avvenire nel massimo rispetto per la migliore tradizione produttiva e, soprattutto, per il consumatore finale.
Ecco perché è sempre più necessario, oggi più che in passato, tutelare e privilegiare i veri prodotti tipici doc del Made in Italy locale.

L’olio extravergine di oliva umbro

olive umbre
Gusto
Fruttato, delicato, con sensazioni armoniche.

Colore
Limpido, abbastanza denso e verde smeraldo.
 
Profumo
Decisamente fruttato e delicato.
 
Abbinamenti Gastronomici
Si adatta ad ogni tipo di piatto ed è, in particolare, eccellente su minestre e zuppe di legumi e di cereali, sul pesce di lago, sulle carni bianche cotte alla griglia, sugli arrosti di carne rossa e sui formaggi di stagionatura media.

Il corretto utilizzo dell’olio extravergine di oliva

frittura

L’olio extravergine di oliva è l’alimento principe della dieta mediterranea. Prodotto con cura, garantisce la conservazione delle vitamine, del sapore e dell’aroma tipico delle olive. Se utilizzato crudo, trasmette agli alimenti con cui viene condito l’inconfondibile aroma delle olive ed è indicato per preparare salse di vario tipo, per condire insalate o per preparare bruschette. Inoltre, è un eccellente prodotto da impiegare anche come condimento di alimenti già preparati.
L’olio extravergine di oliva risulta anche il più idoneo condimento per alimenti cotti o alla griglia. Risponde in modo ottimale alle alte temperature proprie delle fritture, sia per la stabilità che trasmette agli acidi grassi monoinsaturi e sia per i suoi antiossidanti. Tale modalità di utilizzo è largamente diffusa nei Paesi del Mediterraneo: gli alimenti conservano totalmente le rispettive qualità e ciò anche se l’olio extravergine di oliva viene impiegato per più fritture.
Va comunque ricordato che l’olio extravergine di oliva aumenta di volume ogni volta che viene sottoposto ad alte temperature e che, di conseguenza, ne occorre una quantità minore per friggere, proprio perché gli alimenti ne assorbiscono poco se fritti correttamente, salvaguardando gusto, giusta fragranza e aspetti salutari.

La zuppa di farro

zuppa di farro
Ingredienti per 2 persone
80 grammi di farro semiperlato, salvia, mezza cipolla, aglio, maggiorana, 1 sedano, 60 grammi di pomodoro, pepe, sale, olio extravergine di oliva.
 
Preparazione
Fare un soffritto con olio extravergine di oliva, mezza cipolla, sedano, aglio, maggiorana e salvia. Aggiungere pomodoro, pepe e sale. Una volta rosolato, aggiungere il farro lessato e mescolare. Cuocere per circa 30 minuti, continuando a mescolare lentamente.
Servire con un filo di olio extravergine di oliva crudo. Servire in tavola e gustare.

La certificazione ICEA dell’olio extravergine di oliva

olivi biologici

Le coltivazioni di olive da agricoltura biologica utilizzate per la produzione di olio extravergine di oliva rappresentano la massima espressione della qualità e dell’affidabilità alimentare: è sulla base di questo significativo valore che la certificazione ICEA, come disposto dal Regolamento CEE 2092/91 e dal D.M. 220/95, attesta la totale conformità ai parametri del metodo di produzione biologica.
Su base trimestrale, le coltivazioni vengono sottoposte a rigorose visite ispettive relative, in particolare, ai prodotti impiegati per la fertirrigazione e per la concimazione.
L’obiettivo delle visite ispettive consiste nel verificare la corrispondenza totale ai parametri fissati dalla legge: ciò, oltre a essere un riconoscimento di assoluto valore e una indubbia gratificazione per l’azienda biologica, è anche un’estrema garanzia di qualità per i consumatori.
Nell’attuale scenario dei prodotti alimentari, l’agricoltura biologica non è soltanto un metodo di produzione orientato a rispetta la salute dell’uomo e dell’ambiente, ma anche un modello di sviluppo sostenibile capace di valorizzare la qualità delle risorse che stanno alla base del miglior food and beverage tipico proprio del Made in Italy.

La conservazione ottimale dell’olio extravergine di oliva

La conservazione ottimale dell'olio extra vergine d'oliva

Per conservare in modo ottimale l’olio extravergine di oliva, occorre tenere ben presente che il prodotto non ama la luce e vuole essere conservato in ambienti freschi e asciutti: infatti, l’esposizione alla luce e a temperature calde ne possono rovinare gusto e aroma.
Quindi, dal momento che fonti di calore, aria, sbalzi di temperatura e luce inducono un processo di ossidazione, è sempre un’eccellente abitudine conservare l’olio extravergine di oliva al buio, ad una temperatura il più possibile costante pari a circa 14 o 15 gradi e, ovviamente, in contenitori chiusi.
Inoltre, è sempre consigliabile utilizzare recipienti in alluminio o in acciao inox: tali contenitori risultano essere non soltanto facilmente lavabili con acqua semplice, ma, in particolare, assicurano sia un ottimo livello di impermeabilità alla luce e sia un’alta sicurezza sul versante dell’igiene rispetto ad altre tipologie di contenitori.

« Older entries