Maggiori controlli sull’olio di oliva importato a difesa dell’olio di oliva italiano

Maggiori controlli sull'olio di oliva importato a difesa dell'olio di oliva italiano

Maggiori controlli sull’olio di oliva importato a difesa dell’olio di oliva italiano

Finalmente, una buona notizia: di recente, l’Ispettorato per la Repressione delle Frodi nell’Agroalimentare, per meglio difendere l’olio di oliva italiano, ha reso nota l’intenzione di effettuare maggiori controlli sull’olio di oliva importato da Paesi esteri.
Nell’ambito del nuovo piano di controlli per il settore oleario programmato per il 2015, l’attenzione degli ispettori si concentrerà sia sui porti e sia alle frontiere in modo da far arrivare al consumatore un prodotto di qualità e, soprattutto, in modo da evitare la più volte denunciata sleale concorrenza estera ai danni dei produttori italiani.
Di fatto, sembrerebbe profilarsi una nuova stagione a tutela del vero olio di oliva nazionale, il cui comparto, a causa di un’annata meteorologica non propriamente favorevole, subisce la contrazione quantitativa della propria produzione, ma, comunque, non della propria qualità e affidabilità, contrariamente a certi pseudo operatori stranieri.
______________________________________
Ufficio Stampa Olio Biologico Casalino
Marco Mancinelli –
casalino.marketing@teletu.it
http://www.tenutailcasalino.com (sito web aziendale)
https://oliobiologicocasalino.wordpress.com (blog aziendale)

Categorie di Olio di Oliva

Categorie di Olio di Oliva

Categorie di Olio di Oliva

 

Conoscere l’olio di oliva permette una migliore conoscenza
ai fini delle proprie abitudini alimentari.
Ufficio Stampa Olio Biologico Casalino
Marco Mancinelli –
casalino.marketing@teletu.it
http://www.tenutailcasalino.com (sito web aziendale)
https://oliobiologicocasalino.wordpress.com (blog aziendale)


 

Olio di Oliva Italiano: NO alle truffe

SÌ AL VERO OLIO DI OLIVA ITALIANO

SÌ AL VERO OLIO DI OLIVA ITALIANO

Dati ISTAT 2013: l’export italiano di olio di oliva negli USA ha subito una flessione che si aggira interno al 13% anche a causa delle truffe che colpiscono i tanti produttori onesti del comparto e che sono state denunciate più volte dalla stampa statunitense, in particolare con la serie di vignette realizzate da Nicholas Blechman e pubblicata sul “New York Times” con il titolo “Il suicidio dell’extravergine. L’adulterazione dell’olio di oliva italiano”, serie ispirata dal blogger e giornalista americano Tom Mueller, da tempo stabilitosi in Italia e autore del libro “Extraverginità”.
Dall’analisi dei dati ISTAT del 2013, inoltre, emerge che viene spedita negli Stati Uniti quasi 1 bottiglia di olio su 3 confezionate in Italia appositamente per il mercato estero.
Va da sé che la contrazione del mercato USA ha causato la diminuzione delle esportazioni mondiali di olio di oliva confezionato nel nostro Paese pari a circa il 9%.
L’Italia resta il secondo produttore mondiale di olio di oliva (dopo la Spagna) con circa 250 milioni di piante ubicate su oltre 1 milione di ettari di terreno agricolo, vero, ma il nostro Paese è anche  il principale importatore mondiale.
Si stima che il fatturato del comparto ammonti a circa 2 miliardi di euro, con un impiego di manodopera pari a 50 milioni di giornate lavorative.
Questi dati non possono che far riflettere e, come più volte sottolineato dalla Coldiretti, risulta sempre più necessario adottare ulteriori iniziative concrete finalizzate a garantire sia l’autenticità che la trasparenza della produzione italiana di olio di oliva, rendendo pienamente operativa la cosiddetta “Legge Salva Olio”, già approvata nel Febbraio 2013: la concreta qualità dell’olio di oliva Made in Italy e i suoi tanti onesti produttori meritano di essere maggiormente tutelati.

Ufficio Stampa Olio Biologico Casalino
Marco Mancinelli –
casalino.marketing@teletu.it
http://www.tenutailcasalino.com (sito web aziendale)
https://oliobiologicocasalino.wordpress.com (blog aziendale)

Nuove norme UE per l’olio di oliva: occorre andare oltre

OLIVE ITALIANE

OLIVE ITALIANE

Nel Novembre 2013, sono entrate in vigore nuove norme UE relative all’etichettatura e alla commercializzazione di olio di oliva: secondo qualificati osservatori del settore, si tratta di un passo avanti, ma non ancora sufficiente a tutelare il prodotto Made in Italy.
Le modifiche che sono state apportate alla normativa comunitaria, infatti, non includono la globalità delle richieste provenienti dal mondo olivicolo italiano, richieste che tuttora interessano ulteriori aspetti certamente non secondari: in particolare, l’obbligo di utilizzo nella ristorazione di tappi antirabbocco e il divieto di uso di oliere e di simili recipienti riutilizzabili più volte.
Le modifiche alle modalità di etichettatura sembrano, invece, andare nella giusta direzione per quanto concerne l’inclusione delle informazioni riferite alle caratteristiche e all’origine dell’olio nel medesimo campo visivo.
Tuttavia, non è stata imposta una grandezza minima dei caratteri tale da agevolare una lettura precisa, immediata e semplice da parte dei consumatori.
Inoltre, andrebbero impiegate dimensioni dei caratteri collegate alle dimensioni dei recipienti stessi, sempre nell’ottica di una lettura corretta.
Soprattutto, aver derubricato la questione relativa all’eventuale obbligo di utilizzo di tappi antirabbocco affidandola alla mera discrezionalità degli Stati Membri dell’Unione Europea, indebolisce gli stessi produttori di olio di oliva, oltre a danneggiare l’idea di una politica agricola e di mercato comune.
Non c’è dubbio che, in Europa, persiste il bisogno di regole realmente condivise e applicate con modalità omogenee su tutto il territorio comunitario: non ci si deve fermare ad approcci di tipo diversificato che influenzano la libera concorrenza degli operatori dei vari Paesi UE e la trasparenza delle informazioni nei confronti dei consumatori.
I nostri rappresentanti istituzionali presenti a Bruxelles dovranno tenere in ampia considerazione questi aspetti per tutelare con più decisione anche l’olio di oliva italiano, la cui stragrande maggioranza di produttori è in linea con i valori della qualità complessiva rivolta al consumatore nazionale ed estero.

Ufficio Stampa Olio Biologico Casalino
Marco Mancinelli –
casalino.marketing@teletu.it
http://www.tenutailcasalino.com (sito web aziendale)
https://oliobiologicocasalino.wordpress.com (blog aziendale)