Controlli nel biologico per tutelare consumatori e aziende oneste

Controlli nel biologico per tutelare consumatori e aziende oneste

Controlli nel biologico per tutelare consumatori e aziende oneste

Tutelare la vera qualità del Made in Italy agroalimentare è una delle priorità che interessano il tessuto aziendale del nostro Paese: si tratta di un principio denso di valori e di significati che attengono non soltanto alla salvaguardia dei tanti operatori onesti del comparto (biologico e non), ma anche alla salvaguardia degli stessi consumatori finali.
Un plauso particolare non può che andare, ancora una volta, ai carabinieri del nucleo antifrodi (NAC) che, dopo acccurati controlli, hanno denunciato il rappresentante legale di un’azienda agricola, sequestrandone più di 250 litri di falso olio extravergine di oliva “biologico”.
I controlli hanno coinvolto una fattoria ubicata in provincia di Arezzo che “garantiva” la vendita al dettaglio di “olio extravergine di oliva biologico“.
Dalle analisi di laboratorio condotte su campioni di olio prelevati presso la fattoria, è emerso che si trattava di “olio lampante” e, quindi, assolutamente non destinabile all’alimentazione umana: infatti, il termine “lampante” deriva dall’utilizzo che ne veniva fatto in passato, cioè per alimentare lampade a olio.
I controlli devono ovviamente continuare, ma è bene che gli stessi consumatori prestino una grande attenzione a ciò che viene loro proposto da parte di alcuni operatori scorretti: premiando con i propri acquisti le aziende serie, non si tutela solo la propria salute (aspetto importantissimo), ma anche la vera qualità offerta dai tanti produttori onesti che, anche nel comparto del vero olio extravergine di oliva da coltivazione biologica, realizzano prodotti sicuri, salutari e di grande qualità.

Ufficio Stampa Olio Biologico Casalino
Marco Mancinelli – casalino.marketing@teletu.it
http://www.tenutailcasalino.com (sito web aziendale)
https://oliobiologicocasalino.wordpress.com (blog aziendale)
Annunci

Stop alle frodi alimentari: privilegiare la qualità

Stop alle frodi alimentari: privilegiare la qualità

Di recente, in alcune regioni italiane, i NAS dei Carabinieri hanno operato un sequestro pari a circa 8 milioni di litri di finto olio extravergine d’oliva, ottenuto miscelando olio vergine e olio lampante (ottenuto tramite estrazione con soli metodi meccanici e non utilizzabile per il consumo alimentare) opportunamente deodorato per eliminare i cattivi odori: non pochi e attenti osservatori parlano di “frode dell’anno”.
Ma l’aspetto più grave della faccenda riguarda il fatto che, in alcuni dei casi scoperti, sulle etichette veniva addirittura dichiarata l’origine al “100% italiana”, anche se le  bottiglie sequestrate contenevano circa il 30-40% di olio proveniente da Spagna, Grecia e Tunisia.
Da quanto accaduto, non si può che ribadire un concetto fondamentale: fermo restando l’indispensabile e meritoria opera da parte delle autorità competenti preposte al controllo e alla repressione delle frodi alimentari, occorre sempre di più richiamare l’attenzione nei confronti dell’assoluta importanza della qualità di quanto arriva alla nostra tavola, un’attenzione che non può che basarsi sulla chiara e documentata affidabilità e tracciabilità dei prodotti, in particolare dell’olio extravergine di oliva.
I produttori onesti e corretti che lavorano con cultura, passione ed etica non mancano nel nostro Paese ed è proprio per proteggere le loro aziende, congiuntamente alla salute dei consumatori, che tutto il Sistema Italia è chiamato, oggi più che in passato, a considerare i valori della qualità e dell’affidabilità alimentare una priorità assoluta.
 
 
Ufficio Stampa Olio Biologico Casalino
Marco Mancinelli – casalino.marketing@teletu.it
http://www.tenutailcasalino.com/ (sito web aziendale)
https://oliobiologicocasalino.wordpress.com (blog aziendale)